Category: Chiese rupestri

Cappella di San Nicola all’Ofra

La cappella di San Nicola all’Ofra fa parte di un vasto complesso di grotte scavate su quattro livelli utilizzate da pastori. Posta al secondo livello si accede da un cunicolo che discende dal piano...

Inedita in Via Sant’Agostino

Della chiesa, fino ad ora sconosciuta, situata nel Sasso Barisano nei pressi della chiesa di Sant’Agostino, poche ma significative tracce sono leggibili dell’architettura e dell’apparato decorativo.Per questa, come le altre chiese inedite censite nel...

San Giovanni Vecchio

La chiesa di San Giovanni vecchio, sede di parrocchia fino al 1695 anno in cui, a causa dei problemi relativi all’umidità fu trasferita inSanta Maria Nuova prendendo il titolo di San Giovanni Battista.Con l’uso...

Sant’Agostino

Il Monastero e la chiesa di Sant’Agostino fu costruito nel 1591, è situato con il lato posteriore a picco sul torrente Gravina e sull’antico cenobio di San Guglielmo. Tra il 1747 e 1750 il...

S. Maria della Palomba (1)

Il Santuario, costruito da Mons. Saraceno nel 1583, presenta una facciata con portale rinascimentale in cui si riconoscono le effige dell’Arcivescovo. Ancora un’edicola con la rappresentazione della “Sacra Famiglia” di Giulio Persio, un rosone...

Cripta degli Evangelisti

La cappella è interamente coperta da pitture murali del XVI secolo di buona fattura. Il pronao della cripta degli Evangelisti era un tempo affrescato; oggi le pitture sono in parte cadute, si scorge sulla...

Madonna delle Virtù

L’origine della chiesa di Madonna delle Virtù si fa risalire circa al XII-XIII secolo. Il Volpe ricorda che la chiesa della Madonna delle Virtù ospitò tra il1230 ed il 1233 le monache Agostiniane venute...

San Michele di Serra Sant’Angelo

La chiesa rupestre di San Michele di Serra Sant’Angelo meglio conosciuta come la ‘grotta dei pipistrelli’ è ubicata sul fianco destro della Gravina di Matera. La Grotta dei Pipistrelli fu utilizzata come ricovero umano...

Santa Maria de Armenis

Santa Maria de Armenis nel suo titolo sembra riportarsi ad unostanziamento di Armeni, o quanto meno di orientali, che potrebberoessere pervenuti a matera al tempo in cui anteriormente allo stesso IX secolo si diffusero...